GELARTE

Microgel e arte: una nuova tecnologia per la conservazione dei beni cartacei

Totale sovvenzione: € 149.989,33
Progetto di Ricerca, finanziato ai sensi della L.R. 13/08
Funding Body: Lazioinnova – Regione Lazio
Coordinatore: Emanuela Zaccarelli
Altri membri del gruppo di Ricerca CNR ISC: Mauro Missori, Barbara Ruzicka, Roberta Angelini, Nicoletta Gnan
Membri del gruppo di Ricerca Univ. Tor Vergata: Ester Chiessi, Claudia Mazzuca, Laura Micheli, Olivia Pulci
Collaboratori esterni: Laura Iannuccelli, Silvia Sotgiu, Lorenzo Teodonio (Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario – ICRCPAL)

Il patrimonio culturale del Lazio, unico al mondo, deve essere tutelato, preservato e valorizzato, per renderlo un bene ancora più importante per la crescita economica del settore turistico e, più in generale, di tutta la Regione. Il progetto GELARTE si inserisce all’interno dell’area di specializzazione S3 “Beni culturali e tecnologie della cultura” che si occupa della preservazione del patrimonio culturale attraverso lo sviluppo di metodologie e tecnologie avanzate per l’analisi non distruttiva ed il restauro dei beni artistici e archeologici. Nel progetto GELARTE si esplorerà una nuova potenzialità applicativa dei microgel, già impiegati in diversi contesti quali le scienze della vita o in ambito industriale, per i trattamenti conservativi di beni culturali delicati e fragili, quali i beni cartacei e fotografici, Il progetto GELARTE coinvolgerà un gruppo di ricerca allargato a chimici e fisici, sperimentali e teorici, che comprende l’istituzione ospitante (Istituto dei Sistemi Complessi del CNR) e l’università di Tor Vergata con cui esiste una collaborazione consolidata.

Il progetto è organizzato in tre linee di ricerca sinergiche e beneficerà inoltre delle competenze di collaboratori esterni dell’Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario (ICRCPAL) del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (MiBAC). Inoltre, la tecnologia che verrà sviluppata sarà utilizzata da diverse aziende del settore che hanno già manifestato interesse nel progetto.